Recensione: La straordinaria avventura del gatto Melanzana - Manuela Menini

Ciao a tutti miei carissimi lettori! Oggi vi parlo del libro La straordinaria avventura del gatto Melanzana di Manuela Menini, un racconto davvero simpatico e creativo, decisamente consigliato a un pubblico di bambini.




                                                                                             

Trama:
Melanzana è un gatto molto viziato ed egocentrico che vive in una bella fattoria.
A causa del suo atteggiamento, nessuno degli animali lo sopporta, soprattutto Tobia, un grosso cane da pastore, ma a lui poco interessa: gli basta essere amato dalla sua padroncina, avere sempre la ciotola piena del cibo che preferisce e un posto caldo dove dormire durante l’inverno.
Ma la sua vita sarà sconvolta da un evento inaspettato, grazie al quale imparerà a conoscere il sacrificio, l’umiltà, ma soprattutto il significato dell’amicizia. E, in tutto questo, avrà un ruolo fondamentale proprio Tobia. 







                                                                                                            
Recensione:
Questo racconto molto simpatico e pieno di valori vede come protagonista un gatto di nome Melanzana. Melanzana abita in una fattoria e vive nel suo egocentrismo, passa tutto il giorno all'ombra di un albero, coccolato e viziato dalla sua padroncina Anna, che ogni mattina gli prepara una deliziosa colazione.

Ma nella fattoria il gatto non è l'unico ad essere viziato, anzi, egli condivide l'affetto dei suoi padroni con un altro animale, che però lui proprio non sopporta, il cane Tobia!! Tobia passa molto tempo con il suo padrone ed è molto affettuoso, contrariamente a Melanzana che fa di tutto pur di avere attenzioni e cibo!!! Tobia è un cane disponibile con tutti, sempre pronto ad aiutare il padrone e gli animali, ma il loro astio è reciproco, poiché anche lui non sopporta Melanzana per i suoi modi arroganti, perché mangia il suo cibo che è costretto a controllare e perché nessuno mai gli da una punizione!

I due così condividono lo stesso ambiente, ma si ignorano volutamente.


Un giorno però, Melanzana, proprio mentre stava facendo i soliti dispetti per fargliela pagare alla sua padroncina, per rincorrere un topo finisce su un furgone e viene portato via dalla fattoria. Da qui inizia la sua avventura, dove non tutto gli è dovuto, dove la sua arroganza non serve più a nulla e dove si rende conto che quello che ha, è il dono più grande.

Mentre Melanzana è stordito per l'accaduto e cerca un modo per tornare a casa, incontra un gatto dal pelo rosso e sporco, dai modi decisamente barbari e addirittura senza nome!!! Così la situazione si ribalta, lui non può essere più il gatto che tutti temono, e diventa socio con il gatto randagio per non morire di fame e perché da questo momento in poi gli umani per lui diventano nemici. Il finale comunque è un insieme di simpatia e generosità, che insegna a grandi e piccini l'altruismo e l'amicizia.

Questo racconto ovviamente lo consiglierei a un pubblico di bambini poiché è una storia che parla di animali parlanti e di valori. Lo consiglio anche perché la lettura è molto veloce, non pesante, ci sono colpi di scena adatti a un pubblico di bambini che si avvicina alla lettura.

I personaggi, nonostante siano animali, sono ben strutturati, troviamo Melanzana che è il classico bulletto che diventa socio con un gatto randagio e troviamo Tobia il classico bonaccione che subisce ma che nonostante tutto continua a essere se stesso, buono e gentile, sempre disponibile anche con chi non se lo merita.

La padroncina Anna forse è stata descritta un po' troppo lamentosa, nelle prime pagine piange perché Melanzana ha versato un po' di latte e si è mangiato del salame, forse per un pubblico di bambini questo può andare più che bene come ritratto di una bambina capricciosa.


Metto tre come votazione non perché il libro non merita, ma perché essendo una storia che tratta di animali parlanti non è propriamente il mio genere.

Nonostante sia un racconto che si conclude in poche ore, il libro ci sottolinea i valori dell'amicizia, della bontà, della lealtà, dell'amore.


Sicuramente lo consiglio a chi ha bambini e vuole un racconto semplice ma molto significativo! Buona lettura!